"Il numero di programmatori disponibili per computer si sta riducendo così rapidamente che la maggior parte dei computer del futuro dovrà essere messa al lavoro almeno in parte senza programmatori". Queste sono le parole di James Martin, tratte dal suo libro "Application Development Without Programmers Today" (Sviluppo di applicazioni senza programmatori oggi), e noi siamo proprio in quel futuro.

Tutti fanno riferimento ai termini low-code e no-code. Secondo uno studio di Gartner, entro il 2024 l'80% delle soluzioni e dei prodotti tecnologici sarà creato da professionisti non informatici. L'introduzione dell'ottimizzazione e dell'automazione semplifica i processi di sviluppo. Sui servizi no-code, ogni utente può creare progetti senza scrivere codice. Cerchiamo di capire il no-code, i suoi vantaggi e le sue potenzialità e di dare un'occhiata dettagliata a un promettente progetto no-code.

Per saperne di più sul no-code

Una piattaforma no-code è uno strumento intuitivo, spesso sotto forma di costruttore drag & drop, su cui è possibile costruire software senza scrivere codice. Il presupposto per la comparsa delle piattaforme no-code era l'impossibilità di implementare le idee. C'è un'idea, ma non c'è la possibilità di realizzarla, non ci sono risorse e non ci sono abbastanza persone in grado di farlo. È difficile trovare uno specialista qualificato. I programmatori inesperti possono rovinare l'intero progetto: non fanno revisioni del codice e non controllano la qualità e lo stile della programmazione. Tutto ciò porta a errori che non sempre è possibile correggere qui e ora.

Non tutte le aziende dispongono di grandi budget e di un team di sviluppatori, designer UX, analisti, team leader e architetti di sistema. Certo, è bello quando ognuno ha un'area di responsabilità. Ma per la vostra richiesta potreste non aver bisogno di un team di 20 persone. E il problema più comune, dopo l'inesperienza dei candidati, è la loro capacità di complicare i progetti. Per gli sviluppatori è difficile stabilire scadenze chiare. Un mese di lavoro concordato diventa tre, spuntano i difetti e alla fine ci si sente dire: "Non funziona, dobbiamo rifarlo".

Gli strumenti no-code risolvono questi problemi, offrono soluzioni rapide e consentono a tutti gli utenti di PC di trarre vantaggio da questa piattaforma.

Gli utenti sono conquistati soprattutto da:

  • Risparmio sui costi - un abbonamento mensile per la maggior parte degli strumenti è molte volte più economico dello stipendio di un team di programmazione;
  • Risparmio di tempo e risultati rapidi - la prima versione del prodotto sarà pronta in un paio di settimane;
  • Meno routine - gli strumenti si fanno carico di compiti di tipo singolo e tolgono il carico agli sviluppatori;
  • Riduzione degli errori - la piattaforma genera codice da sola; tutti i processi sono automatizzati, il che riduce il numero di errori.

Gli evidenti vantaggi aumentano la domanda di questi strumenti, portando alla comparsa di nuove soluzioni sul mercato. Anche l'area di applicazione è in crescita: sono disponibili servizi per la creazione di siti web e applicazioni (Adalo e Glide), integrazioni (Zapier e Integromat) e gestione di database (Airtable), negozi online (Ecwid) e giochi, e molto altro ancora.

Chi usa il no-code e come?

mobile app builder

Il no-code ha decine di utilizzi. Gli strumenti vengono utilizzati per il lancio rapido di nuovi prodotti e MVP. Il no-code viene utilizzato per il lancio di applicazioni web o mobili, per testare rapidamente le ipotesi di vendita, le prestazioni e la risposta del pubblico a un costo minimo. Le organizzazioni spesso creano strumenti di lavoro interni, un proprio CRM, liste di controllo e pannelli di amministrazione per i dipendenti dell'azienda. Le startup IT sono tra le prime a implementare attivamente strumenti no-code per lanciare test di prodotto a basso costo.

Le aziende costruiscono più spesso strumenti interni per i team. Un esempio lampante è il costruttore di Power Apps di Microsoft, che è già entrato nel grande mercato. I marketer utilizzano il no-code per realizzare piccoli progetti e raccogliere analisi e feedback dai dati. I progettisti si trasformano rapidamente in sviluppatori, utilizzando, ad esempio, Webflow, dove è possibile trasferire il layout da Figma e Sketch. E, naturalmente, sviluppatori. Dopotutto, la creazione di queste piattaforme non mira a sostituirli completamente. L'obiettivo principale è semplificare tutti i processi e ridurre gli errori causati dal fattore umano. Al contrario, nessun codice può essere considerato un altro settore da sviluppare e acquisire nuove competenze. Queste piattaforme sono sufficienti per trasformare un'idea in un prodotto, presentarlo a partner, team e potenziali utenti e testarlo.

Non tutte le piattaforme sono universali e dovrete cercare soluzioni diverse per risolvere i vari problemi. Ma come ovunque, c'è un'eccezione. E qui vogliamo presentarvi il progetto di sviluppo AppMaster.io.

Che cos'è AppMaster.io e come si differenzia da altri strumenti?

La piattaforma AppMaster.io è uno strumento no-code completo che mira a creare prodotti complessi, distinguendosi dagli altri. AppMaster.io si basa su un'interfaccia drag&drop, ma consente la personalizzazione attraverso un editor di processi aziendali. La piattaforma non si basa su modelli già pronti e non limita gli utenti alle funzioni previste. Qualsiasi idea può essere facilmente creata attraverso blocchi visivi.

AppMaster.io lavora con le tre parti principali che compongono qualsiasi progetto:

  • Backend (o applicazioni lato server)
  • Applicazioni web
  • Applicazioni mobili

Come può aiutare la piattaforma e come si differenzia?

La caratteristica principale di AppMaster.io: la piattaforma genera il codice sorgente al posto dello sviluppatore a 22.000 righe al secondo, consentendo all'utente di ottenere l'applicazione con il codice sorgente e la documentazione. Non è certo una cosa che può fare un programmatore. Un altro vantaggio è la possibilità di vedere l'interfaccia dell'applicazione e tenere traccia delle modifiche in tempo reale. Si può anche iniziare con la parte visiva dell'applicazione e pensare successivamente alla logica e al collegamento degli elementi. AppMaster.io consente di integrarsi con vari servizi tramite moduli. La piattaforma dispone di oltre 40 moduli, dall'autenticazione all'imaging alla crittografia, e l'elenco è in continua crescita.

no code modules

Le applicazioni scritte da AppMaster.io hanno buone prestazioni. Sono costruite su un unico backend. Ad esempio, si crea un'applicazione per la consegna di prodotti in cui viene sviluppato un unico backend. Due applicazioni, una per il cliente e una per il venditore, funzioneranno con un unico backend. Non sarete sempre legati alla piattaforma. Quando decidete di staccarvi dalla piattaforma, potete prendere il codice sorgente e continuare a lavorare sul progetto da soli.

AppMaster.io riduce i bug di dieci volte. Per ogni piccola modifica, come l'aggiunta di una nuova funzione o elemento o la sostituzione di collegamenti, il codice dell'applicazione viene generato e aggiornato completamente. Questo rende la piattaforma diversa dall'approccio di uno sviluppatore, che apporterebbe modifiche a una determinata parte del codice, rischiando di rompere qualcosa e causando un forte debito tecnico nel tempo.

È facile lavorare con AppMaster.io?

Il processo di lavoro si basa su sei fasi principali:

  • Creazione di una struttura di dati utilizzando strumenti visivi.
  • Inclusione di moduli per i casi aziendali più comuni.
  • Aggiunta della logica di business utilizzando l'editor dei processi di business.
  • Impostazione di un pannello di amministrazione generato automaticamente nell'applicazione web.
  • Progettazione dell'applicazione mobile.
  • Pubblicazione.

Per ogni fase viene fornita un'area di lavoro con un'interfaccia di facile utilizzo. Nel designer del modello di dati si progettano i database e si configurano le connessioni tra di essi. Esiste anche un editor separato per i processi aziendali. Qui si costruisce la logica dell'applicazione utilizzando solo blocchi visivi e non una sola riga di codice.

business processes no-code

Nella sezione endpoint, l'utente può personalizzare l'interazione tra i lati client e server dell'applicazione utilizzando l'API REST. Nell'App Designer si creano le applicazioni (mobile e web) e si progettano le loro interfacce. Anche se AppMaster.io è stato progettato per gli utenti business, è più complicato lavorare con le sue controparti. Come abbiamo detto, la piattaforma è progettata per soluzioni più complesse con una logica aziendale estesa. La costruzione di una gerarchia di programmi sarà più facile con un background tecnico.

Naturalmente, è possibile comprendere lo strumento per tentativi, studiando la documentazione o utilizzando il supporto. L'assistenza offre un servizio di collaborazione con uno degli specialisti del team AppMaster per aiutarvi con il vostro futuro progetto.

Cosa si può creare?

AppMaster.io si concentra sulla creazione di soluzioni complesse: applicazioni con una parte lato server, un'interfaccia multifunzionale, una logica aziendale estesa, l'accesso all'hardware, l'integrazione con altre applicazioni, la possibilità di essere ospitate su server cloud e aziendali e altre caratteristiche speciali. La piattaforma sviluppa applicazioni mobili native che ricevono schermate e logica dal backend generato in tempo reale. Ciò consente di modificare il design e il funzionamento di un'app già pubblicata senza ulteriori rilasci. È sufficiente ripubblicare il backend e l'utente finale riceverà immediatamente l'app aggiornata.

Con questo strumento no-code è possibile creare software per esigenze interne, come programmi di assistenza clienti, software di vendita e monitoraggio e database interni. È possibile creare task tracker, sistemi CRM, applicazioni ERP e programmi per la raccolta e l'ordinamento automatico dei dati. AppMaster.io è adatto anche alla creazione di soluzioni incentrate sul cliente, ma può richiedere l'uso di servizi aggiuntivi.

Workspace AppMaster

Supponiamo che stiate costruendo applicazioni per clienti aziendali. In questo caso, AppMaster.io è la scelta migliore: backend generato in Go (Golang), eccellenti prestazioni delle applicazioni server con la possibilità di compilare sotto Windows, Linux e macOS, supporto per cluster come Kubernetes e Docker Swarm, health-monitor integrato, logger Zap e lavoro con il DBMS PostgreSQL. Se si deve costruire una piccola pagina di destinazione, ad esempio, o un programma senza logica complessa e calcolo su un carico pesante, è meglio rivolgersi ad analoghi semplificati e strettamente focalizzati.

Qual è il futuro del no-code?

Il no-code è ora in una fase di sviluppo attivo, il che significa che non ha ancora raggiunto il suo pieno potenziale. Gli utenti devono quindi essere pronti ad affrontare limitazioni che solo lo sviluppo in senso classico può compensare. Il no-code non è adatto a tutte le esigenze. È essenziale comprendere il proprio compito e studiare le possibilità dello strumento prima di lavorare. Utilizzate il no-code per elaborare le mappe dei clienti, testare le ipotesi e automatizzare il lavoro. E per portare il no-code sul mercato aziendale, cercate piattaforme con codice compilabile e DBMS di livello aziendale, come è AppMaster.io, secondo i suoi autori. Il flusso è una minaccia per gli sviluppatori o uno strumento aggiuntivo nel loro arsenale per creare prodotti migliori? Dipende dal vostro approccio. Ma non dimenticate che anche le piattaforme no-code devono essere realizzate da qualcuno.